Il calvario scrigno prezioso dell’Amore di Dio

Pubblicato: 11/09/2021

(Marco 8,27-35)

Il calvario scrigno prezioso dell’Amore di Dio

“Tu sei il Cristo, il figlio del Dio vivente” questa è la risposta di Pietro a Gesù che chiede: “chi sono io per voi?”  Gesù rivolge l'interrogativo ai discepoli cominciando dai più esterni al gruppo: “la gente chi dice che io sia?” Poi, stringendo il campo, si rivolge a loro, ai suoi prossimi, interpellandoli in prima persona: “voi chi dite che io sia?” Ma oggi la rivolge anche a noi questa domanda, a me che scrivo, a ciascuno di noi: “chi sono io per te?  Cosa rappresento? La mia vita ha un valore nella tua e per la tua vita? Chi sono io? Tu credi nel figlio del Dio vivente?”  Questo credo che sia l’intento di Gesù: suscitare in noi una risposta libera, una risposta di fede.

Pietro ancora una volta, a nome di tutti, esprime il suo affetto più profondo per Gesù e fa la professione di fede: “Tu sei il Cristo”. Bisogna dire a riguardo che per Pietro non basta appartenere al collegio apostolico, non basta limitarsi a questo impegno di gruppo; non basta per noi conoscere Gesù, sapere chi è e che cosa rappresenta in maniera teorica, occorre seguirlo. Mettersi alla sua sequela e soprattutto considerare il percorso importante da fare insieme a Lui: il percorso della croce, sposando la logica della croce.

La croce non può essere disgiunta dalla professione della fede. Se io credo in Gesù devo anche credere che è fondamentale, percorrere con Lui, la via del calvario. Infatti Gesù rimprovera aspramente Pietro quando insieme agli altri vorrebbe fermarLo: “lungi da me Satana”. Addirittura Gesù si rivolge così a Pietro e gli spiega “tu non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini”.

Si può essere discepoli non quando si forniscono le credenziali giuste su Cristo, ma quando si comincia a ragionare secondo la sua mentalità, con il suo modo stesso di pensare e non secondo la logica del mondo. Infatti il mondo concepisce l'amore non come un “dare” incondizionato e generoso ma come un “prendere”.

E’ facile, oggi, che ci si rivolga ad un altro, ci si rapporti a lui solo per ricavarci qualcosa, per prendere appunto, in maniera narcisistica ed egoista. Gesù, al contrario, ci esorta a donare e ci dà l’esempio donandoci tutto se stesso.  Ha dato la vita per noi. Ecco che quando si è capaci di arrivare a tanto, a dare la vita, nelle piccole cose di ogni giorno e nelle grandi scelte fondamentali, allora si è realmente discepoli di Cristo.  

La storia della Chiesa è piena di tanti credenti che nel tempo hanno fatto la propria professione di fede di Pietro e non hanno esitato a donare la vita. E noi ne saremmo capaci? Nelle sue catechesi don Tonino Bello confermava che per seguire Gesù è necessario andare al calvario e “il calvario è lo scrigno nel quale si è concentrato tutto l'amore di Dio”, poi aggiungeva nel tempo ultimo della sua malattia: “adesso che sono ammalato lo dico con gioia”. Lo diceva con gioia perché è con gioia che bisogna percorrere questa via di salvezza. 

Con le parole di don Tonino affidiamoci a colei che piu di tutti e pur madre del Signore si è fatta sua discepola fino in fondo: "Santa Maria, donna coraggiosa, tu che sul Calvario, pur senza morire hai conquistato la palma del martirio, rincuoraci col tuo esempio a non lasciarci abbattere dalle avversità. Aiutaci a portare il fardello delle tribolazioni quotidiane, non con l'anima dei disperati, ma con la serenità di chi sa di essere custodito nel cavo della mano di Dio".

don Alfonso GIORGIO



Ultimi Video


Vedi tutti i video »