United Nations Office on Drugs and Crime (UNODC)

Pubblicato: 15/04/2021

 Progetto di sviluppo sostenibile nella Repubblica democratica popolare del Laos

United Nations Office on Drugs and Crime (UNODC)

Nella remota e montuosa regione del Laos settentrionale, gli agricoltori locali coltivano oppio da generazioni. Sebbene l'oppio sia un raccolto in contanti e un mezzo per generare reddito per queste comunità, le terribili conseguenze del suo commercio hanno una portata globale.

Tuttavia, le maree stanno cambiando nella provincia di Huapanh.

Un gruppo di ex coltivatori di oppio ha recentemente intrapreso un viaggio che ha aperto le porte ad un nuovo, vivace e lecito mercato internazionale: l'industria globale del caffè.

Gli agricoltori della Vanmai Coffee Cooperative hanno firmato un accordo di partnership commerciale a lungo termine con il rinomato torrefattore francese Malongo.

Questo accordo assicura un mercato pronto per il raccolto della cooperativa nei prossimi cinque anni, nonché una solida base per costruire un'alternativa sostenibile alla coltivazione dell'oppio.

Con il supporto dell'Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC) e la Commissione del Laos per il controllo e la supervisione della droga (LCDC), gli agricoltori Vanmai hanno iniziato la loro transizione verso la coltivazione del caffè alla fine del 2016.

Con l'assistenza di esperti e agronomi dell'UNODC, hanno piantato circa 400 ettari di caffè e stabilito una propria cooperativa per trasformare e commercializzare in modo indipendente il caffè per i mercati internazionali premium.

Supportati dal progetto di sviluppo alternativo dell'UNODC, i centri di lavorazione a umido sono già stati installati in 12 comunità di coltivatori di caffè. La costruzione di un magazzino, di un mulino a secco e di un ufficio per la cooperativa - con una propria caffetteria - è prevista per l'inizio nel 2021.

L’obiettivo della Vanmai Cooperative è fornire un vero modello di sviluppo sostenibile, anche per altre comunità remote e coltivatrici di oppio nel paese, basato sull'empowerment attraverso l'organizzazione, il controllo della catena del valore ed il collegamento diretto con i mercati senza l'uso di intermediari.

Il rapporto con il torrefattore francese è iniziato nel marzo 2020, quando un rappresentante Malongo è stato invitato nelle comunità di coltivatori di caffè Vanmai, incontrando i coltivatori e rappresentanti delle cooperative e degustando il caffè Vanmai locale.

In seguito, Malongo si è impegnata ad acquistare i chicchi di caffè della cooperativa per un periodo di cinque anni con incrementi crescenti, a partire da 20 tonnellate nel 2021 e aumentando fino a 200 tonnellate entro il 2025.

Mentre la cooperativa Vanmai si è impegnata ad ottenere una certificazione di commercio equo in tempo per il 2022, a consegnare ed avviare una transizione verso la produzione e la certificazione biologica.

Questo progetto guidato da UNODC è stato recentemente esteso a dicembre 2023 sulla base dei finanziamenti disponibili, con l'obiettivo di continuare a sostenere gli sforzi locali almeno fino al 2025.

Nel prossimo ciclo del progetto, UNODC continuerà a sviluppare le capacità di gestione della cooperativa Vanmai, con sede su una base solidamente democratica che conferisce potere anche alle donne.

Il progetto mira anche a raddoppiare la superficie di coltivazione nei prossimi anni, con l'obiettivo di assistere un maggior numero di beneficiari nelle comunità che vogliono abbandonare le colture di oppio, costruendo, nel contempo, una cooperativa finanziariamente sostenibile e resiliente. 

Avv. Silvia STICCA



Ultimi Video


Vedi tutti i video »