Le api amiche dell’uomo

Pubblicato: 01/06/2021
Le api amiche dell’uomo

L’insetto più famoso del mondo deve la sua notorietà tra il genere umano, per la curiosa antitesi costituita dalla dolcezza del miele e dall’amaro del veleno, entrambi prodotti dalle api, nel primo caso per alimentarsi, nel secondo per difendersi.

Ci soffermeremo in questa occasione su quella meravigliosa fonte di dolcezza, apprezzata dall’uomo sin dal Neolitico, quando imitando gli animali cominciò a raccoglierlo per integrare la sua dieta. Si pensi che fino alla introduzione dello zucchero da barbabietola ad opera degli arabi, intorno al ‘700 d.C., il miele era stata la principale sostanza dolcificante conosciuta dall’Umanità.

Cos’è il miele? E’ il prodotto delle api a partire dal nettare dei fiori, oppure dalla melata, cioè quella sostanza zuccherina secreta da alcune specie di insetti, in particolare (afidi) che le api raccolgono.

Il nettare succhiato attraverso la ligula viene trasportato fino all’arnia e già in volo è oggetto di elaborazione da parte delle bottinatrici che ne affidano l’ulteriore processo di trasformazione in miele vero e proprio, rigurgitandolo nelle “mani” delle sorelle che provvederanno a depositarlo sul fondo delle cellette.

Le sostanze che compongono il miele sono tantissime, se ne contano circa 300, altre potrebbero esserne scoperte. La produzione di questa meravigliosa sostanza è molto dispendiosa per le api; da un punto di vista del consumo energetico, occorrono 25.000 voli per raccogliere un litro di nettare.

Insieme agli zuccheri (glucosio, fruttosio, saccarosio) nel miele sono presenti acqua, vitamine, minerali, acidi e sostanze azotate. Le proprietà nutrienti, emollienti ed antisettiche sono ben note ed il miele le conserva soprattutto quando è crudo, cioè non sottoposto a trattamenti termici, cui si ricorre per motivi commerciali (standard di conservazione e distribuzione)

La normativa sulla etichettatura discende dal Reg. Ue nr. 1169/2011 e dal D.lgs nr. 179/2004 in base ai quali la denominazione di vendita facoltative, riguardano le modalità di estrazione, materia prima raccolta, origine botanica o geografica.

Concluderemo la prossima volta con uno sguardo sugli ulteriori prodotti donatici dalle generose api.

QUERCUS

 



Ultimi Video


Vedi tutti i video »